Preverniciato

Acciai preverniciati

SETTORI DI UTILIZZO

  • Riscaldamento

  • Condizionamento

  • Coperture

  • Elettrodomestico (frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, componenti per motori elettrici e compressori, piani cucina, vasche da bagno, piatti doccia, scaldabagni, etc…)

Questi prodotti sono costituiti da un substrato di acciaio sul quale viene applicato un rivestimento organico sottoforma di vernice (o polvere) mediante metodo in continuo (coil coating) o tramite colaminazione con fogli di materie plastiche.
Ciò permette a questi prodotti di compendiare una enorme varietà di caratteristiche: le diverse proprietà meccaniche garantite del substrato di acciaio, i massimi livelli di resistenza alla corrosione, la disponibilità di molteplici colori, la variabilità della brillantezza e della finitura superficiale, la compatibilità con l’ambiente, i risparmi economici ed energetici nel processo globale di fabbricazione.

Il materiale che costituisce il substrato è un prodotto di acciaio con o senza rivestimento metallico, a seconda dell’utilizzo:

ZINCATO è il supporto più utilizzato, poiché il rivestimento di zinco protegge l’acciaio dalla corrosione.

LAM. A FREDDO non viene mai impiegato se vi sono rischi di corrosione (quindi tipicamente solo per interni).

La scelta dei rivestimenti organici dipende dall’impiego finale. Un determinato rivestimento organico può essere presente:

  1. su ciascuna delle due facce del laminato in modo identico;
  2. su una sola faccia (in genere quella superiore), mentre l’altra è lasciata priva di rivestimento (anche se comunque sottoposta ad un trattamento preliminare);
  3. su una faccia, mentre l’altra (la faccia inferiore o retro back) è rivestita con un qualsiasi rivestimento organico senza particolari requisiti.

Il sistema che costituisce il rivestimento può essere ad un solo strato, con determinati requisiti, o applicato come fondo (primer) in vista di applicazioni successive, oppure può essere multistrato, comprendendo uno strato di fondo, possibilmente uno o più strati intermedi ed uno strato di finitura con tutti i requisiti necessari.


La designazione di questi acciai è comprensiva della descrizione completa del substrato di acciaio, del tipo e della massa del rivestimento metallico (dove presente), del simbolo per il materiale organico applicato sulla faccia superiore e, dove richiesto, per quello applicato sulla faccia inferiore, dello spessore nominale in µm del rivestimento organico applicato sulla faccia superiore e, dove necessario, di quello applicato sulla faccia inferiore.

E’ sempre necessario specificare se lo spessore nominale dell’acciaio preverniciato desiderato sia comprensivo del rivestimento organico applicato sulle due facce o se sia invece da intendersi come lo spessore del substrato e del rivestimento metallico escluso il rivestimento organico (come prescrive la norma).

Altri dati tecnici necessari alla definizione del prodotto richiesto sono:

  1. Colore e/o differenza di colore (è raccomandabile fare riferimento alla tabella RAL)
  2. Lucentezza speculare a 60°; le gamme possibili secondo la norma sono:

Sono invece requisiti accessori, ma spesso molto utili, soprattutto in sede di scelta del materiale:

  1. Durezza alla matita / Durezza all’impronta / Prova di graffiatura
  2. Forza di adesione dopo imbutitura / Flessibilità del rivestimento (T-bending a 180°) / Adesione sotto l’azione di deformazione rapida
  3. Resistenza alla nebbia salina neutra / Esposizione ad agenti atmosferici artificiali / Esposizione agli agenti atmosferici naturali
  4. Altre caratteristiche determinate dallo specifico impiego.